LA DIMENSIONE STRATEGICA DELL’INCENTIVE & PERFORMANCE MANAGEMENTLA CREAZIONE DEL VALORE NELL’AREA DE

lcuni fenomeni della moderna macroeconomia quali la globalizzazione, la ricerca insistita di nuovi sbocchi di mercato, l’intensa competizione tra le imprese per il raggiungimento dell’equilibrio reddituale, il progresso scientifico e la specializzazione del lavoro, conducono ad un crescente apprezzamento delle risorse umane operanti nelle aziende.

Il knowledge management, ovvero la conoscenza manageriale, si rivela quindi fattore produttivo intangibile determinante per il successo dell’impresa, tanto a livello direttivo quanto nelle singole aree funzionali.

L’intervento dei manager all’interno del mutevole organismo aziendale si estende infatti dalla fase progettuale della fissazione di obiettivi generali e particolari accompagnata dalle conseguenti scelte strategiche, a quella attuativa di organizzazione e svolgimento del ciclo produttivo aziendale.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA LETTURA DEL GRAFICO DI PORTER

In una intervista pubblicata di recente il professor Michael Eugene Porter della Harvard University ci spiega come il suo modello pubblicato nel 1979 (grafico sotto) abbia consentito importantissimi p

BUSINESS PLAN 2.0. QUALE FUTURO?

Il Business Plan, inteso come strumento qualitativo e soprattutto quantitativo finalizzato a dare rappresentazione a decisioni ed attese su iniziative industriali e finanziarie proiettate in un futuro