BUSINESS PLAN 2.0. QUALE FUTURO?

Il Business Plan, inteso come strumento qualitativo e soprattutto quantitativo finalizzato a dare rappresentazione a decisioni ed attese su iniziative industriali e finanziarie proiettate in un futuro più o meno remoto, è oggi sottoposto ad un velato scetticismo e talora ad aperte critiche.

D’altronde le posizioni di critica possono anche essere giustificabili e comprensibili se si pensa alla frequenza ed all’intensità con cui piani redatti in un recente passato sono stati disattesi per le ragioni più diverse, a partire dalla crisi dei mercati finanziari internazionali del 2008-2009 e dei debiti sovrani, che, se non altro, hanno giustamente spazzato via infondate aspettative di “pasti gratis” e di investimenti risk-free.

Nell’articolo si intende dare rappresentazione ai limiti di questo strumento, ma anche ai molti pregi, non ultimo la capacità di sintetizzare – oggi e nel presente – informazioni e conoscenze su un passato divenuto certo, per consentire ad una molteplicità di soggetti la valutazione su risorse ed obiettivi, su rischi e rendimenti, con riguardo a decisioni industriali e finanziarie, che si proiettano e si basano su di un futuro comunque incerto.

Al fine di dare rappresentazione sullo stato dell’arte e sui possibili sviluppi a beneficio del BP, il lavoro viene suddiviso in tre parti.

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA LETTURA DEL GRAFICO DI PORTER

In una intervista pubblicata di recente il professor Michael Eugene Porter della Harvard University ci spiega come il suo modello pubblicato nel 1979 (grafico sotto) abbia consentito importantissimi p

LA GESTIONE DI UN PORTAFOGLIO PROGETTI

Per sopravvivere e prosperare in contesti fortemente competitivi, bisogna cercare di trarre il massimo valore dai propri progetti. Non basta più eseguire bene un progetto, occorre anche eseguire i pr